Sintonie architettoniche: una “ricercata” compatibilità