Il virus influenzale aumenta l’adesività di ceppi Escherichia coli isolati da pazienti affetti da malattia di Crohn in cellule intestinali.