Il diritto giurisprudenziale e il diritto "vivente". Convergenza o affinità dei sistemi giuridici?