Reimpiego di “monumenta” medievali tra Rinascimento e Barocco