La sindrome di Pierre-Robin: considerazioni