Quale atteggiamento verso il malato critico ad altissimo rischio?