Validità e limiti dei test cutanei d’ipersensibilità ritardata nell’individuazione del paziente a rischio di complicanze settiche postoperatorie