Il «silenzioso insegnamento» del professore