E ora l’Europa pensi allo sviluppo delle agricolture locali