La sociologia militare tra autonomia, qualità e quantità