L'antiformalismo dei deboli e quello dei potenti