Il "De vulgari eloquentia" tra linguistica, filosofia e politica.