Amicizia e retorica della "consolatio": note in margine ad un “singolare” lamento funebre boccacciano ("Filocolo" V, 75)