Il Patmiacus 266. Un testimone dell'utilizzo liturgico delle epitomi premetafrastiche