La problematica del controllo dell’IAQ (Indoor Air Quality) in ambienti lavorativi confinati, con particolare riferimento alle relative correlazioni con il comfort, la salute e la produttività degli occupanti è da alcuni anni oggetto di crescente attenzione nei paesi occidentali industrializzati, ovvero là dove si trascorre, mediamente, oltre il 90% del tempo all’interno di ambienti chiusi, di cui circa il 30% sul posto di lavoro, con la conseguenza che gli effetti dell’inquinamento indoor sull’individuo sono spesso predominanti rispetto a quelli dell’inquinamento outdoor. La stessa OMS ha riconosciuto che l’inquinamento indoor costituisce un rischio ambientale di primissimo rilievo, le cui cause principali risiedono, da un lato, nella notevole quantità di sorgenti inquinanti presenti negli ambienti di vita e di lavoro, dall’altro nella riduzione dei tassi di ventilazione, legati generalmente a motivi di risparmio energetico. In Italia le problematiche degli effetti correlati all'inquinamento indoor sono state sottovalutate a lungo, presumibilmente a causa sia delle difficoltà legate alla obiettiva classificazione delle patologie ad esso correlate, sia per la mancanza di strumenti accreditati per il controllo dell’IAQ. E’ pur vero che, anche a livello internazionale, il cospicuo impegno della ricerca volto all’individuazione di un indicatore globale di IAQ relazionabile al benessere ed alla salute dei lavoratori non è approdato, a tutt’oggi, a risultati definitivi; scopo del lavoro in oggetto è proprio quello di presentare il quadro delle attuali acquisizioni in questo particolare campo della ricerca, con particolare riferimento agli aspetti legati al terziario avanzato.

L'indice di valutazione dell'IAQ come indicatore di sicurezza in ambienti lavorativi confinati, con particolare riferimento al terziario avanzato / Cumo, Fabrizio; Caruso, Gianfranco; Ferroni, Luisa; E., Paladino. - ELETTRONICO. - (2002). ((Intervento presentato al convegno VGR2002 Valutazione e Gestione del Rischio negli Insediamenti Civili ed Industriali tenutosi a Pisa nel 15-17/10/2002.

L'indice di valutazione dell'IAQ come indicatore di sicurezza in ambienti lavorativi confinati, con particolare riferimento al terziario avanzato

CUMO, Fabrizio;CARUSO, Gianfranco;FERRONI, Luisa;
2002

Abstract

La problematica del controllo dell’IAQ (Indoor Air Quality) in ambienti lavorativi confinati, con particolare riferimento alle relative correlazioni con il comfort, la salute e la produttività degli occupanti è da alcuni anni oggetto di crescente attenzione nei paesi occidentali industrializzati, ovvero là dove si trascorre, mediamente, oltre il 90% del tempo all’interno di ambienti chiusi, di cui circa il 30% sul posto di lavoro, con la conseguenza che gli effetti dell’inquinamento indoor sull’individuo sono spesso predominanti rispetto a quelli dell’inquinamento outdoor. La stessa OMS ha riconosciuto che l’inquinamento indoor costituisce un rischio ambientale di primissimo rilievo, le cui cause principali risiedono, da un lato, nella notevole quantità di sorgenti inquinanti presenti negli ambienti di vita e di lavoro, dall’altro nella riduzione dei tassi di ventilazione, legati generalmente a motivi di risparmio energetico. In Italia le problematiche degli effetti correlati all'inquinamento indoor sono state sottovalutate a lungo, presumibilmente a causa sia delle difficoltà legate alla obiettiva classificazione delle patologie ad esso correlate, sia per la mancanza di strumenti accreditati per il controllo dell’IAQ. E’ pur vero che, anche a livello internazionale, il cospicuo impegno della ricerca volto all’individuazione di un indicatore globale di IAQ relazionabile al benessere ed alla salute dei lavoratori non è approdato, a tutt’oggi, a risultati definitivi; scopo del lavoro in oggetto è proprio quello di presentare il quadro delle attuali acquisizioni in questo particolare campo della ricerca, con particolare riferimento agli aspetti legati al terziario avanzato.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/385461
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact