Sulla "legittimità" degli atti della Rsi