Il "realismo magico" di Obama