Quando si parla della scuola italiana di geometria algebrica, i primi nomi che si citano sono quelli di Guido Castelnuovo (1865–1952), Federigo Enriques (1871–1946) e Francesco Severi (1879–1961). Le origini della scuola sono, però, da associare al nome di Luigi Cremona (1830–1903), che inizia la sua opera geometrica intorno al 1860. In quel periodo Cremona abbandona i metodi più specificatamente algebrici dei suoi maestri Bordoni e Brioschi per seguire un approccio personale alla geometria, di tipo sintetico, libero dai calcoli algebrici.

I momenti di eccellenza: La scuola italiana di geometria algebrica

MENGHINI, Marta
2011

Abstract

Quando si parla della scuola italiana di geometria algebrica, i primi nomi che si citano sono quelli di Guido Castelnuovo (1865–1952), Federigo Enriques (1871–1946) e Francesco Severi (1879–1961). Le origini della scuola sono, però, da associare al nome di Luigi Cremona (1830–1903), che inizia la sua opera geometrica intorno al 1860. In quel periodo Cremona abbandona i metodi più specificatamente algebrici dei suoi maestri Bordoni e Brioschi per seguire un approccio personale alla geometria, di tipo sintetico, libero dai calcoli algebrici.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/356515
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact