Ricordo del Prof. László Tóth, primo lettore della Cattedra di Ungherese di Roma