La presenza dell'Ovidio minore nella "Commedia": un agone emulativo