Gaetano Salvemini, uno storico scomodo