Aby Warburg e il Rinascimento fra rottura e continuità