Il sindacato di chi ha il «posto». E gli altri lavoratori?