Modulazione dello stato ossido-riduttivo intracellulare: strumento per nuovi approcci terapeutici antivirali?