Quale ruolo per il planner e per il piano in una società pluralistica senza vertice e senza centro?