La nomination italiana, un gioco opaco