Sull’attenuazione dell’intensità macrosismica in alcune zone sismogenetiche italiane