“....... liberazione dalla e/o dell’architettura”