Tracce di volpi e giochi di parole nell'enunciazione di un poeta bulgaro contemporaneo