Su di un indice “ottimale” della progressività delle imposte, parte II