Dietro le quinte: la scuola come metafora di un terreno