Dalla psichiatria alternativa al movemento sistemico: una necessaria continuità