Asclepiade 15 G.-P. (= A.P. 12.46): una reinterpretazione