Dalla riconsiderazione del rapporto natura/cultura alla centralità del Piano Regolatore Generale