Sulla rielaborazione delle fonti antiche nel primo libro del "De pictura"