Su un caso di Morbo di Hansen