L’esperienza della Biblioteca di Studi romanzi e Italianistica (“La Sapienza”)