Sulla duttile indifferenza delle infrastrutture per il trasporto urbano