Roma eterna, o della fragilità visiva delle rovine