Marmi e committenza nel teatro di Cassino