Il generale, lo storico e i barbari: a proposito del discorso di Brasida in Thuc. IV 126