L’utilizzo di dispositivi dissipativi per collegare strutture contigue è considerato un efficace metodo di protezione sismica di tipo passivo. In questo lavoro viene presentata la sperimentazione su tavola vibrante di un modello fisico di strutture accoppiate, in una configurazione che potrebbe tipicamente incontrarsi in applicazioni civili e industriali. Si tratta di un modello di due strutture a telaio, in scala 1:5, la prima delle quali è alta 240 cm, ha 4 piani, e un peso di 500Kg, mentre la seconda è alta 120 cm, ha 2 piani e pesa 250Kg. Le strutture sono inizialmente connesse usando dispositivi passivi elasto-plastici, disposti al secondo piano dei due telai. Il modello è stato provato con diversi terremoti simulati e naturali, (Northridge, Kobe, El Centro, Hachinohe), di differente intensità. Le prestazioni del controllo dei dispositivi passivi sono paragonate sia con il caso delle strutture non controllate, che con il caso delle strutture rigidamente connesse. Sono in corso ulteriori studi sulle connessioni semiattive, che usano dispositivi magnetoreologici.

Sperimentazione dinamica del controllo passivo su un modello d'edifici accoppiati

DE ANGELIS, Maurizio;CIAMPI, Vincenzo;
2004

Abstract

L’utilizzo di dispositivi dissipativi per collegare strutture contigue è considerato un efficace metodo di protezione sismica di tipo passivo. In questo lavoro viene presentata la sperimentazione su tavola vibrante di un modello fisico di strutture accoppiate, in una configurazione che potrebbe tipicamente incontrarsi in applicazioni civili e industriali. Si tratta di un modello di due strutture a telaio, in scala 1:5, la prima delle quali è alta 240 cm, ha 4 piani, e un peso di 500Kg, mentre la seconda è alta 120 cm, ha 2 piani e pesa 250Kg. Le strutture sono inizialmente connesse usando dispositivi passivi elasto-plastici, disposti al secondo piano dei due telai. Il modello è stato provato con diversi terremoti simulati e naturali, (Northridge, Kobe, El Centro, Hachinohe), di differente intensità. Le prestazioni del controllo dei dispositivi passivi sono paragonate sia con il caso delle strutture non controllate, che con il caso delle strutture rigidamente connesse. Sono in corso ulteriori studi sulle connessioni semiattive, che usano dispositivi magnetoreologici.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/193935
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact