Permanenze e impermanenze nel paesaggio romano contemporaneo