Capacità funzionale dell’apparato cardiovascolare in lavoratori esposti a rischio con metodica ergometrica. Nota I: studio della pressione arteriosa; Nota II: studio della frequenza cardiaca, del doppio prodotto e del rendimento funzionale; Nota III: studio elettrocardiografico.