Sulla recezione della musica strumentale di Giovanni Legrenzi: strategie compositive e carattere della fruizione