Guido Hauck come esempio della fecondità del pensiero scientifico ottocentesco