“C’è da far rabbrividire”: la musica di «Simon Boccanegra» dalla prima alla seconda versione