Lo schiaffo di Norina e il “realismo” musicale di «Don Pasquale»