"La bellezza involontaria": dalle rovine alla cultura del frammento tra Otto e novecento