"L'ozio del virtuoso". Il giardino moralizzato in Torquato Tasso e Pirro Ligorio